.
Annunci online

giovanni
vita da maggiord'omo..


Diario


23 aprile 2007

Berlino

Il cielo sopra di me e´immenso.
E torno a volare.
Lontano. Lontano. Lontano.



Ciao.




permalink | inviato da il 23/4/2007 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


6 aprile 2007

Tombola

La prima cosa che mi viene in mente quando penso di tradirti, e il sei, che è un numero grasso, satollo, seduto, che non va da nessuna parte.

Il sei sono io, e dentro la pancia ci sei tu, e l’eventuale amante.

Quando stiamo insieme, mi sento un otto, con corpo e testa che funzionano all’unisono, e che si concludono in un nodo. La testa non è altrove, non è il solito zero, La testa è sopra il corpo , e non di lato come nel nove.

A volte siamo un undici, alti uguali. A volte un sedici, io seduto che mi guardo l’ombellico, e tu alto e dritto, e solido. Oppure sei tu che te lo guardi, ed io dall’alto un po’ tronfio osservo te, ottantasei. A volte siamo un venti, dove quel due volta le spalle allo zero, che pensa soltanto e tra poco esplode, e a volte un trentatre, o un ventidue, o anche un quarantaquattro, dove uno insegue l’altro, che non si volta a guardarlo. A volte, più che un sessantanove, siamo un novantasei, e a letto non sappiamo che ascoltare se l’altro russa. A volte sono uno, uno solo, e penso solo a me, al fatto di essere appena all’inizio quando, chesso’, gia dovrei essere cinquanta o almeno trenta. A volte son 40, senza di te che sei di nuovo uno, e tira il dado e ripassa dal via, salta tutto e torna a casa.

A volte io sono uno, qui, e tu sei uno li. E non possiamo farci niente.

Tre sette nove undici

Trentatre  quarantasette, ottantotto(due teste piene ancorate ad un corpo).

Tre quatto sette sette sette tre quattro otto tre due . Piove di la? Vorrei averti qui, e parlarti.

Tre tre nove otto quattro sette uno quattro venti e tre .Come va?

Cento di rado, cento sul divano davanti la tivvù, cento sul fiume a guardare le anatre, cento buongiorno, è un nuovo giorno con te.

Mille ancora no, forse viene o forse no.





permalink | inviato da il 6/4/2007 alle 12:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


5 gennaio 2007

R.S.V.P.

La difficoltà principale quando scrivo la incontro nell'idea che gli altri hanno di me.
Sostanzialmente baro.Quando scrivo, quando parlo, quando mi racconto, invento una realtà paralella e più presentabile.
Disonesta, ma più accattivante.
Ipocrita, ma più gentile.
Eppure.
Non diversamente da chi mi sta intorno, sono composto di meschinità e di cattiveria.Il sessanta per cento delle cose apprezzabili del mio carattere sono fatte in funzione di un quieto vivere sociale.
Un restante venti per cento è equamente suddiviso in atti compiuti per affetto, in azioni sincere dovute ad una schiavitù dei sentimenti inevitabile; e azioni mosse dai sensi, che altro non sono che grasse dichiarazioni di egoismo che ben si interpolano ad altrui desideri. Tutto ciò che rimane, è casuale.

Mi barcameno come tutti tra rapporti umani surreali che una dose eccessiva di sincerità brucerebbe in meno di un attimo. E pochi e rari rapporti complessamente sentimentali. Quattro o cinque amici , sostanzialmente. Distanti, per'altro. Qualche familiare. Uno o due amanti.

Il sesso resta naturalmente la cosa più semplice .

Sto diventando un disadattato sociale.




permalink | inviato da il 5/1/2007 alle 1:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio       
 
 




blog letto 40938 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
L'angolo di M.lle C.

VAI A VEDERE

Coco
Misto
Linguafranca
NonsoloRossi
Divina
Ha
LaGatina
Bifidus
D
WonderC
Marquant
scatafashion
voulauvent
Gay Urban
Endimione
La Padrona nella sua Magione
santosynth


parlacon_me@yahoo.it

CERCA